Data:

28 Nov 2022

Autore:

PREO AG

Software usato


I software usati consentono di implementare nuove strategie

Uno degli obiettivi principali dei responsabili IT o SAM all'interno delle aziende è l'ulteriore sviluppo dell'ecosistema software e sta assumendo un ruolo sempre più centrale nelle attività quotidiane. Un'ampia disponibilità e una manutenzione efficiente sono da tempo presupposti imprescindibili. Con l'integrazione funzionale di una vasta gamma di temi e soluzioni software, ora ci sono così tanti aspetti che l'ottimizzazione dei costi diventa una sfida tanto importante quanto complessa. 

Pertanto, per ottenere margini di manovra per nuovi progetti orientati al futuro, è fondamentale gestire le spese nel modo più efficiente possibile. Che si tratti di passare a offerte cloud o di noleggio come Microsoft 365 o nell'ambito di misure di ristrutturazione, riorganizzazioni, fusioni o chiusure aziendali o possibili insolvenze, ci sono una serie di casi in cui le licenze software, una volta acquistate, non vengono più utilizzate. In questo articolo del blog potrai scoprire come monetizzare queste risorse inutilizzate e come anche le medie imprese riescono ad ottenere dei ricavi a sei cifre.

Il quarto trimestre è il momento ideale per fare un inventario delle licenze software

Quasi tutti i contabili aziendali conoscono questa situazione. I risparmi ottenuti in un anno si traducono in un budget inferiore nel prossimo. E lo stesso avviene nel settore IT. Pertanto, i responsabili della contabilità all'interno di un'azienda dovrebbero utilizzare il quarto trimestre per verificare lo stato attuale delle licenze. Solo in questo modo è possibile utilizzare in modo intelligente le risorse di bilancio disponibili perché licenze software non necessarie o troppo costose comportano in definitiva una perdita di liquidità. Quando si fa un inventario delle licenze di un'azienda, ci sono una serie di domande che possono portare a miglioramenti tangibili:
 

  • Abbiamo tutte le licenze di cui abbiamo bisogno per le diverse aree di lavoro?

  • Ci sono licenze esistenti per le quali è scaduto il supporto esterno, ad esempio MS Office 2007 e 2010, Exchange o Visio?

  • Sono disponibili licenze per le quali il supporto esterno scadrà nei prossimi 12 mesi, ad esempio MS Office 2013, Exchange Server 2013 o Windows Server 2012/2012 R2? 

  • Il nostro inventario delle licenze supererebbe un audit del produttore?

  • Ci sono licenze in eccesso che dovremmo vendere?

  • Potremmo sostituire i nuovi acquisti imminenti con l'acquisto di licenze software usate?


Suggerimento PREO: implementare le licenze software usate come parte della strategia IT

Se durante la revisione si notano delle mancanze, di solito vale la pena investire il budget a disposizione in licenze software usate. A parità di funzionalità, infatti, questi prodotti sono fino al 70% più economici rispetto a quelli nuovi, poiché il software, a differenza della maggior parte dei beni di consumo, non si deteriora. Inoltre, l'acquisto di software usato non comporta costi mensili ricorrenti per l'utilizzo del software. In questo modo potrai risparmiare anche negli anni a venire.

Vendere licenze software superflue: come incrementare il proprio budget

Annullare i nuovi acquisti pianificati è un modo per ottimizzare il budget IT. Un'altra alternativa: sfruttare ciò che è stato usato in passato per ottenere dei ricavi. Ciò vale non solo per hardware come laptop o stampanti, ma anche per sistemi operativi e software applicativi, come Microsoft Windows o MS Office, nonché per licenze per server SQL, Exchange o Sharepoint. È importante prestare attenzione a questi quattro requisiti:

  1. Le licenze non più necessarie sono state immesse per la prima volta sul mercato dell'UE o del SEE. Nell'UE, le licenze software usate sono soggette al cosiddetto “principio di esaurimento”. Ciò significa che le merci che sono state immesse sul mercato con il consenso dei titolari dei diritti nell'UE o nel SEE possono essere liberamente scambiate in quest’area. Il diritto di distribuzione del produttore si è "esaurito" dopo la prima vendita e la rivendita delle licenze software è legale.

  2. Solo le licenze software acquistate possono essere trasferite. Non è possibile rivendere software derivanti da contratti di leasing o noleggio in corso.

  3. Le licenze software derivanti da contratti multilicenza possono anche essere vendute parzialmente. Le licenze di un contratto multilicenza hanno ciascuna un diritto d'uso indipendente, che può anche essere trasferito in questo modo. È quindi possibile mantenere una parte delle licenze software del contratto multilicenza, ma venderne un'altra. C'è un'eccezione solo nel campo delle installazioni client-server.

  4. Particolarmente importante: disinstallare il software prima della vendita. Poiché le licenze software da vendere non possono essere riutilizzate, il software deve essere disinstallato dai rispettivi computer prima della vendita. Inoltre, viene fornita una conferma vincolante con la documentazione attestante che le licenze software non vengono più utilizzate.

Conclusione di PREO: le licenze software inutilizzate dovrebbero essere sfruttate per incrementare il budget riservato alle risorse IT. In qualità di pionieri nella compravendita di licenze software usate a livello europeo, siamo a tua disposizione come venditore di fiducia o partner di acquisto. I nostri esperti in licenze saranno lieti di consigliarti personalmente in merito all'ottimizzazione dei costi, alla sicurezza e trasparenza nella compravendita di licenze software usate.


Atruvia  genera enormi ricavi vendendo licenze software inutilizzate

Con la fusione di Fiducia e GAD nel 2015, due grandi e in parte diversi contratti multilicenza di Microsoft sono stati gradualmente fusi in un contratto comune tra l'associazione bancaria cooperativa delle banche popolari e Raiffeisen. La fusione decisiva e quindi l'unificazione delle risorse software è avvenuta con il passaggio dalle licenze di acquisto a quelle di noleggio nel corso del lancio del servizio online Microsoft M365. Le licenze software non più necessarie rappresentavano un notevole potenziale di vendita. Scopri come Atruvia, dopo mesi di ricerche e la creazione di elaborati contratti e cronologie di utilizzo con una dettagliata consulenza sulle licenze e un supporto dedicato ai progetti, ha finalmente trasferito oltre 150.000 licenze Microsoft a PREO ottenendo dei ricavi a sette cifre in modo completamente sicuro all'inizio del 2020

Atruvia, in qualità di partner per la digitalizzazione del Gruppo Bancario Cooperativo con circa 8.400 dipendenti, è responsabile del settore IT di quasi 900 Banche Popolari e di Raiffeisen per un totale di 86 milioni di conti correnti, ed è anche responsabile dei servizi IT per banche private e aziende come l'ADAC.

Siamo il tuo vantaggio in termini di sicurezza nell'acquisto di licenze software usate

Le licenze software utilizzate di PREO sono fino al 70% più economiche rispetto alle versioni nuove e sono sicure al 100%. A tal fine, gli esperti in licenze di PREO, insieme al reparto legale specializzato nelle normative che regolano queste risorse, verificano preventivamente tutte le licenze software. 

Come cliente di PREO, riceverai prove dettagliate e complete della catena dei diritti. In questo modo avrai una trasparenza totale su:
 

  • tipo di contratto dal quale proviene il software, 

  • quali numeri di contratto sono assegnati,

  • chi erano i precedenti proprietari e

  • se hanno disinstallato correttamente il software.

A questo si aggiunge una dettagliata cronologia degli aggiornamenti. E se questo non ti basta in termini di sicurezza: i nostri trasferimenti sono assicurati in caso di danni patrimoniali da un'assicurazione di responsabilità civile estesa fino a un importo di 10 milioni di euro. Nelle aziende di medie e grandi dimensioni, sempre più responsabili IT utilizzano i software usati di PREO per gestire i loro budget nel modo più efficiente e sicuro possibile e per ottenere margini per nuovi progetti.





+39 02 897 319 57